Unione Italiana Lavoratori Metalmeccanici Alto AdigeTITOLO TOP Unione Italiana Lavoratori
Metalmeccanici Alto Adige
Via A.Buffulini, 4 39100 BOLZANO
Il logo della sezione del sito denominata  METALMECCANICI

METALMECCANICI

CONTRATTO, ECCO IL CALENDARIO DEGLI INCONTRI RAVVICINATI

Torna indietro

Autore salerno

L’ARTICOLO SUL DIARIO DEL LAVORO DI FERNANDO LIUZZI

Un calendario articolato su otto date: è questo il prodotto del quinto incontro della tratttativa per il nuovo contratto dei metalmeccanici. Come fissato nel precedente appuntamento, svoltosi a Roma giovedì 21 gennaio , i rappresentanti dei sindacati di categoria -Fiom-Cgil, Fim-Cisl e Uilm-Uil -e quelli delle associazioni datoriali aderenti a Confindustria - Federmeccanica e Assistal - si sono visti oggi, a Roma, in quello che è stato il primo incontro a delegazioni ristrette.

Scopo della riunione odierna era appunto quello di delineare il percorso per il prosieguo di una trattativa che, nei suoi primi tre incontri a delegazioni piene, non avea consentito alle parti di fare significativi passi avanti. Infatti nei primi due appuntamenti -tenuti, rispettivamente, il 5 novembre e il 4 dicembre dell’anno scorso - i sindacati avevano sostanzialmente illustrato le loro due piattaforme rivendicative: quella condivisa da Fim e Uilm, e quella della Fiom.

Nel terzo appuntamento, il 22 dicembre, Federmeccanica e Assistal avevano poi esposto i vari punti di una loro proposta volta a ottenere quello che loro stesse avevano definito come un 'rinnovamento' (e non un semplice rinnovo) del contratto.

Di fronte a una situazione di stallo, che tendeva a riprodursi -e quindi, in qualche modo, ad aggravrsi -nella prima parte del quarto incontro, il segretario generale della Uilm, Rocco Palombella, si era fatto portavoce di una proposta di metodo volta a superare il blocco sostanziale della trattativa; blocco causato dalle grandi distanze registrate fra le parti, specie per ciò che riguarda il rapporto fra contratto nazionale e aumenti retributivi.

Ed ecco dunque le date dei prossimi incontri.

Si comincerà venerdì 5 febbraio parlando del legame fra contratto nazionale e welfare contrattuale, ovvero di previdenza integrativa (assicurata da anni dal fondo Cometa) e di sanità integrativa, destinata, secondo la proposta di Federmeccanica, a un consistente rafforzamento.

Mercoledì 10 febbraio sarà poi la volta di formazione professionale, salute dei lavoratori e sicurezza nei luoghi di lavoro.

Dopo un intervallo di due settimane, mercoledì 24 febbraio la trattativa affronterà alcuni dei suoi punti più spinosi: retribuzioni e inquadramento professionale, con l’aggiunta delle regole delle relazioni industriali e delle questioni relative alla partecipazione dei lavoratori alla vita delle imprese.

Il giorno successivo, giovedì 25 febbraio, arriveranno sul tavolo i temi dell’organizzazione del lavoro (leggi: orari e flessibilità) e delle politiche del lavoro (leggi: ammortizzaztori sociali).

Esaurita questa prima fase di esame ravvicinato delle diverse problematiche negoziali, le parti torneranno a riunirsi martedì 1° marzo per rivedere quanto già discusso in materia di retribuzioni, inquadramento e welfare.

Il giorno dopo,mercoledì 2 marzo, si tornerà a parlare di formazione professionale, salute e sicurezza, organizzazione del lavoro e politiche del lavoro.

Mercoledì 9 marzo, il compito dell’ultimo incontro a delegazioni ristrette sin qui calendarizzato sarà quello di fare la sintesi si tutto il lavoro negoziale fin lì svolto.

Infine, martedì 15 marzo le parti torneranno a confrontarsi in sessione plenaria. Fin qui ciò che oggi è stato deciso. Ma, al momento, nessuno sa se quella del 15 marzo sarà la data di conclusione del negoziato o un passaggio verso una fase ulteriore.

Tale proposta consisteva, appunto, nella fissazione di un calendario tematico lungo il quale portare avanti il negoziato a delegazioni ristrette. Intendendo con ciò che, a parte la presenza fissa dei segretari generali dei tre maggiori sindacati e del direttore generale di Federmeccanica, Stefano Franchi, gli altri membri delle delegazioni ristrette potranno ruotare a seconda delle loro competenze specifiche.

Ma, al momento, nessuno sa se quella del 15 marzo sarà la data di conclusione del negoziato o un passaggio verso una fase ulteriore.

 

F.L.

Ufficio Stampa Uilm Roma, 28 gennaio 2016

social bookmarking

  • Dalla Uilm Nazionale, contratto 2016, UILM, sindacato, contratto in Facebook
  • Dalla Uilm Nazionale, contratto 2016, UILM, sindacato, contratto in Twitter
  • Dalla Uilm Nazionale, contratto 2016, UILM, sindacato, contratto in Google Bookmarks
  • Dalla Uilm Nazionale, contratto 2016, UILM, sindacato, contratto in Yahoo! My Web
  • Dalla Uilm Nazionale, contratto 2016, UILM, sindacato, contratto in Windows Live Space
  • Dalla Uilm Nazionale, contratto 2016, UILM, sindacato, contratto in FriendFeed
  • Dalla Uilm Nazionale, contratto 2016, UILM, sindacato, contratto in del.icio.us
  • Dalla Uilm Nazionale, contratto 2016, UILM, sindacato, contratto in Wikio
  • Dalla Uilm Nazionale, contratto 2016, UILM, sindacato, contratto in Netscape
  • Dalla Uilm Nazionale, contratto 2016, UILM, sindacato, contratto in Technorati
  • Dalla Uilm Nazionale, contratto 2016, UILM, sindacato, contratto in Ok Notizie
  • Dalla Uilm Nazionale, contratto 2016, UILM, sindacato, contratto in Diggita
  • Dalla Uilm Nazionale, contratto 2016, UILM, sindacato, contratto in Segnalo