Unione Italiana Lavoratori Metalmeccanici Alto AdigeTITOLO TOP Unione Italiana Lavoratori
Metalmeccanici Alto Adige
Via A.Buffulini, 4 39100 BOLZANO
Il logo della sezione del sito denominata  Infortunio e malattie professionali

Infortunio e malattie professionali

Una guida su cosa deve fare il lavoratore in caso di infortunio sul lavoro o di malattia professionale.

Torna indietro

Autore webmaster

Nei casi di infortunio o malattia professionale

In caso di infortunio sul lavoro: Informare il datore di lavoro
 
In caso di malattia professionale: Informare il datore di lavoro entro 15 giorni dalla manifestazione della malattia o prima possibile se causa astensione dal lavoro.
 
Appena ne ha avuto notizia, il datore di lavoro deve inviare all’INAIL, entro 2 giorni in caso di infortunio e 5 in caso di malattia professionale, la relativa denuncia.
Se si tratta di infortunio mortale o per il quale vi sia pericolo di morte, la denuncia deve essere fatta entro 24 ore dall’evento.
 
La Corte Costituzionale (sentenze 179 e 206 del 1989) ha stabilito che il lavoratore può dimostrare la possibile origine lavorativa della malattia anche se questa non è compresa tra le malattie professionali elencate nelle apposite tabelle di legge.
 
L’INAIL tutela anche i lavoratori che si infortunano durante il viaggio di andata e ritorno da luogo di lavoro (infortunio in itinere) in condizioni particolari; è importante valutare e considerare bene ogni caso.
 
Il lavoratore che si infortuna sul lavoro o contrae una malattia professionale ha diritto ad usufruire delle prestazioni erogate anche se il datore di lavoro non lo ha assicurato (naturalmente in vigenza dell’obbligo assicurativo, cioè dell’esercizio di una attività che lo esponga a determinati rischi). 
 

A quali prestazioni economiche si ha diritto? 

Il datore di lavoro deve pagare:
il 100% della retribuzione per la giornata in cui è avvenuto l’infortunio o si manifesta la malattia professionale, se quest’ultima ha causato astensione dal lavoro.
Il 60% della retribuzione per i successivi 3 giorni, al quale si deve aggiungere l’eventuale trattamento integrativo previsto dal contratto di lavoro del settore di appartenenza dei vari livelli. 
 
L’INAIL deve pagare:
Dal 4° giorno successivo a quello in cui è avvenuto l’infortunio o si è manifestata la malattia professionale e fino alla guarigione clinica (senza limiti di tempo).
Dal 91° giorno e fino a guarigione clinica aumenta del 75% l’indennità di pagamento. 
 

Le prestazioni economiche dopo la guarigione: Rendita per inabilità permanente

Per gli infortuni avvenuti e le malattie professionali denunciate fino al 24/7/2000

 

Se il grado di inabilità accertato è compreso fra l’11% e il 100% In favore del lavoratore viene costituita una rendita che è proporzionale al grado di inabilità e rapportata alla retribuzione percepita nell’anno precedente l’evento.
Se il grado di inabilità accertato è inferiore all’11% Il lavoratore non ha diritto alla rendita. In caso di successivo aggravamento, però, il lavoratore può richiedere alla sede INAIL di appartenenza la revisione del grado di inabilità a scadenza predeterminata.

Per gli infortuni avvenuti e le malattie professionali denunciate dopo il 24/7/2000

La nuova normativa che - si applica escusivamente agli infortuni verificatisi e alle malattie professionali avvenute dal 25 luglio 2000 in poi - è previsto anche il risarcimento del danno biologico

Danno biologico

Il danno biologico inteso come "danno alla salute" è stato introdotto nell’ambito assicurativo INAIL dall’art. 13 del decreto legislativo n. 38/2000.
 
La nuova disciplina si applica esclusivamente agli infortuni verificatisi e alle malattie professionali denunciate dal 25 luglio 2000 in poi.
 
Infatti per l’art. 13 il danno permanete di origine professionale è indennizzato con una nuova prestazione economica:

 

Danno (%) Risarcimento Danno Biologico Risarcimento Danno Patrimoniale
Inferiore al 6% Franchigia Nulla è dovuto all’INAIL
Dal 6% al 15% Indennizzo in capitale uguale per tutti indipendentemente dal lavoro fatto (varia solo con l’età di guarigione e la % di danno riconosciuto) Non dovrebbe esserci danno patrimoniale quindi nulla viene corrisposto per il danno patrimoniale
Dal 16% al 100% Indennizzo in capitale uguale per tutti (varia solo con l’età di guarigione e la % di danno riconosciuto) Quota di rendita in aggiunta relativa alla retribuzione dell’anno precedente l’evento con un min e max di legge

Infortunio in itinere

E’ infortunio occorso al lavoratore durante il normale percorso:
di andata e ritorno dal luogo di abitazione a quello di lavoro;
tra due luoghi di lavoro se il lavoratore ha più rapporti di lavoro;
di andata e ritorno dal luogo di lavoro a quello di consumazione del pasto in assenza di mensa aziendale.
 
E’ coperto dalla tutela assicurativa l’evento, e quindi l’infortunato, a condizione che l’uso del mezzo privato sia necessitato.
 
Al momento sono esclusi dalla tutela:
Le interuzioni o le deviazioni del percorso non dipendenti dal lavoro o comunque non necessitate;
gli infortuni cagionati dall’abuso di alcolici e di psicofarmaci; o dall’uso non terapeutico di stupefacenti ed allucinogeni;
carenza di prescritta abilitazione alla guida.
 
ATTENZIONE: Vanno ricordate alcune specificità.
Nel caso di lavoratori interinali o somministrati secondo la nuova normativa, la denuncia di infortunio e/o di malattia professionale è di competenza dell’azienda somministratice e non di quella utilizzatrice.
 
Questi lavoratori, con tempi e modalità precise, hanno diritto a prestazioni ulteriori - ottenute dalla contrattazione nazionale - a carico di un organismo bilaterale denominato E.BI.TEMP. e prestazioni accessorie che vengono a decadere ove non si osservino i tempi prestabiliti per i dovuti adempimenti. 
 

Rendita per morte

Nel caso in cui l’infortunio o la malattia professionale causino la morte del lavoratore, i familiari a carico hanno diritto a una rendita calcolata sulla retribuzione percepita nell’anno precedente l’evento - sempre nel rispetto di una quota minima al di sotto della quale non si scende ed una massima al di sopra della quale non si può andare indipendentemente dalla retribuzione percepita, così ripartita:
 
50% al coniuge
20% a ciascun figlio
 
La rendita totale in ogni caso non può superare complessivamente il 100% della retribuzione di riferimento.
 
In mancanza di coniuge e figli:
 
20% ai genitori naturali e adottivi
20% a ciascuno dei fratelli e e delle sorelle
Ovviamente solo se a carico.

social bookmarking

  • Tutele, infortunio, malattie professionali, malattia professionale, indennizzi, lavoratori in Facebook
  • Tutele, infortunio, malattie professionali, malattia professionale, indennizzi, lavoratori in Twitter
  • Tutele, infortunio, malattie professionali, malattia professionale, indennizzi, lavoratori in Google Bookmarks
  • Tutele, infortunio, malattie professionali, malattia professionale, indennizzi, lavoratori in Yahoo! My Web
  • Tutele, infortunio, malattie professionali, malattia professionale, indennizzi, lavoratori in Windows Live Space
  • Tutele, infortunio, malattie professionali, malattia professionale, indennizzi, lavoratori in FriendFeed
  • Tutele, infortunio, malattie professionali, malattia professionale, indennizzi, lavoratori in del.icio.us
  • Tutele, infortunio, malattie professionali, malattia professionale, indennizzi, lavoratori in Wikio
  • Tutele, infortunio, malattie professionali, malattia professionale, indennizzi, lavoratori in Netscape
  • Tutele, infortunio, malattie professionali, malattia professionale, indennizzi, lavoratori in Technorati
  • Tutele, infortunio, malattie professionali, malattia professionale, indennizzi, lavoratori in Ok Notizie
  • Tutele, infortunio, malattie professionali, malattia professionale, indennizzi, lavoratori in Diggita
  • Tutele, infortunio, malattie professionali, malattia professionale, indennizzi, lavoratori in Segnalo